dcsimg
La versione del tuo browser non è aggiornata. Per una migliore navigazione del sito, scarica la versione più recente.

Creare la tua pensione Stima la tua pensione pubblica e decidi se iniziare a costruire una pensione complementare per mantenere in futuro un tenore di vita in linea con le tue aspettative. Se hai già aderito a Postaprevidenza Valore, accedi alla tua Area Riservata e simula l’evoluzione della tua posizione in base a quanto hai già versato e maturato.

Avvertenze

“La mia pensione complementare” è volto a consentire all’Aderente una valutazione sintetica e prospettica del proprio programma previdenziale e costituisce pertanto anche uno strumento di ausilio nell’adozione delle scelte relative alla partecipazione alla forma pensionistica complementare, per le variabili dipendenti da determinazioni dell’Aderente medesimo.

La partecipazione alla forma pensionistica complementare consente di fruire di benefici fiscali sulle contribuzioni versate (tale importo comprende gli eventuali versamenti effettuati a favore dei soggetti fiscalmente a carico; è esclusa la quota del TFR) e sulle prestazioni percepite. Nel calcolo della evoluzione della posizione individuale si tiene conto delle imposte gravanti sui rendimenti previste dal regime vigente. Si rinvia per maggiori dettagli al Documento sul Regime Fiscale pubblicato sul sito web della Compagnia alla sezione Previdenza.

Nel corso del rapporto di partecipazione la posizione individuale effettivamente maturata è soggetta a variazioni in conseguenza della variabilità dei rendimenti conseguiti dalla gestione, tanto più elevata quanto maggiore è l’investimento azionario relativo al profilo di investimento dell’Aderente.
I valori calcolati su base annua sono frutto di una simulazione, con ipotesi di capitalizzazione dei contributi versati considerando un rendimento fisso e quindi senza tenere conto della variabilità dei rendimenti conseguiti dalla gestione.

Il documento è elaborato considerando informazioni relative al singolo iscritto, informazioni proprie della forma pensionistica complementare e ipotesi definite dalla COVIP in modo uniforme per tutte le forme pensionistiche. Si tratta di una mera proiezione fondata su ipotesi di calcolo che potrebbero non trovare conferma nel tempo. I risultati ottenuti sono, quindi, da considerarsi come puramente indicativi e non certificativi, e non impegnano in alcun modo né la Società, né il Fondo, né la COVIP. Le ipotesi alla base del motore di calcolo rispettano le indicazioni della COVIP contenute nel documento "Istruzioni per la redazione del documento, La mia pensione complementare”.

Ipotesi di calcolo

Avvertenze

I valori forniti sono da ritenersi puramente indicativi e non offrono alcuna garanzia di ottenere i risultati calcolati. L'obiettivo dello strumento è quello di fornire una maggiore consapevolezza in merito ai risultati potenziali della previdenza pubblica, considerando che le proiezioni sono fortemente condizionate dai dati inseriti e dalle ipotesi di calcolo. I calcoli fanno riferimento, per quanto di competenza, alla normativa previdenziale vigente. Sul sito dell’INPS è comunque disponibile il servizio “La mia pensione”, che consente di simulare quella che sarà presumibilmente la prestazione di base che un lavoratore iscritto al Fondo pensione lavoratori dipendenti o ad altri fondi o gestioni amministrati dall’INPS riceverà al termine dell’attività lavorativa. 



Premesse di Calcolo

  • I risultati sono depurati dell'inflazione, pertanto le stime sono direttamente commisurabili al potere d'acquisto corrente del denaro.
  • L’età pensionabile indicata è la prima età utile per accedere alla pensione anticipata. Lo strumento consente, qualora ne sussistano le condizioni, di simulare l’età utile per accedere alla pensione anticipata o di vecchiaia, e di posticipare l’età di pensionamento, nei limiti previsti dalla normativa, in caso di prolungamento dell’attività lavorativa.
  • L' età di possibile pensionamento dell'iscritto dipende dal relativo regime previdenziale di base e dalla normativa tempo per tempo vigente.



Ipotesi di base del Calcolo

  • L'inflazione attesa per gli anni a venire è pari al 2,0%
  • La crescita reale annua del Prodotto Interno Lordo (PIL) è pari al 1%
  • I requisiti di età ed i coefficienti di conversione per il calcolo contributivo scontano le riduzioni attese negli anni a venire per via dell'allungamento della speranza di vita.
I risultati sono depurati dell'inflazione, pertanto le stime sono direttamente commisurabili al potere d'acquisto corrente del denaro.
La misura della contribuzione non considera il contributo del datore di lavoro. Si richiama l’attenzione dei lavoratori dipendenti sulla necessità di verificare nei contratti o accordi collettivi o regolamenti aziendali che regolano il rapporto di lavoro se, ed eventualmente, a quali condizioni, l’adesione al piano individuale pensionistico dia diritto a beneficiare di un contributo da parte del datore di lavoro. 


Ipotesi definite per la simulazione

  • Tasso annuo atteso di inflazione: 2%
  • Tasso atteso di crescita della contribuzione/retribuzione (in termini reali):
    • 0% se previsione di crescita della carriera = Stabile
    • 1% se previsione di crescita della carriera = Bassa
    • 2% se previsione di crescita della carriera = Media
    • 3% se previsione di crescita della carriera = Alta
  • Basi demografiche per il calcolo della rendita: A62
  • Basi finanziarie per il calcolo della rendita: 0%
  • Costo relativo alla trasformazione della posizione individuale in rendita: 0,5%
 

Informazioni sul fondo pensione

Costi:
  • nessun costo fisso di adesione
  • spese in fase di accumulo pari al 2,5% su ogni versamento per i primi 15 anni e nessun costo sui versamenti effettuati dopo 15 anni di partecipazione al piano
  • nessun costo sui flussi derivanti da TFR e sui contributi versati dal datore di lavoro
  • aliquota annua trattenuta dal rendimento della Gestione Separata pari all’1%
  • commissione annua di gestione del Fondo Interno Assicurativo pari all’1% del Valore Complessivo Netto del Fondo.

Composizione e rendimento atteso della Gestione Separata
  • Composizione: Titoli di debito 99,8%; Titoli di capitale 0,2%
  • Rendimento atteso Gestione Separata: 2%

Composizione e rendimento atteso del Fondo Interno Assicurativo1:
  • Composizione iniziale del Fondo Interno: componente obbligazionaria 30%; componente azionaria 70%
  • Rendimento atteso componente obbligazionaria 2%
  • Rendimento atteso componente azionaria: 4%
  • Rendimento medio annuo atteso Fondo Interno Assicurativo: 3,4%



Informazione relative all’aderente

I seguenti dati relativi all’Aderente sono imputabili all’atto della simulazione: 
dati anagrafici:
  • posizione/condizione lavorativa e previdenziale
  • misura della contribuzione
  • prestazione scelta al pensionamento

1 il Fondo Interno ha uno stile di gestione flessibile, la composizione dello stesso è soggetta a variazioni nel tempo.

L’ultima retribuzione netta è calcolata a partire dal corrispondente valore lordo mensile, a cui a vengono sottratti i contributi obbligatori INPS (ipotesi pari al 9,19% della retribuzione lorda) e successivamente applicate le aliquote progressive IRPEF attualmente in vigore. Non sono considerate ai fini del calcolo le aliquote addizionali regionali e comunali.

La tassazione applicata alle prestazioni pensionistiche complementari è determinata in base alle seguenti ipotesi di calcolo:
  • le prestazioni pensionistiche erogate (rendita o capitale) sono assoggettate ad una ritenuta a titolo d’imposta con aliquota del 15% ridotta dello 0,3% per ogni anno di partecipazione oltre il 15° e fino al 35° (quindi il 15% è riducibile fino al 9%), come previsto dall’Art. 11 del D.lgs. 252/2005
  • l'aliquota è applicata all’importo della prestazione al netto dei contributi non dedotti e dei rendimenti già assoggettati ad imposta durante la fase di accumulo
  • i contributi versati sono considerati come interamente dedotti dal reddito per un ammontare annuo non superiore a 5.164,57 euro
  • i trasferimenti da altro Fondo Pensione sono ipotizzati come contributi versati dal 1° gennaio 2007.

Gli importi elaborati al netto delle imposte sono stimati con ipotesi di calcolo basate sulla normativa fiscale attualmente in vigore e, pertanto, gli stessi potrebbero non trovare conferma alla data effettiva di erogazione della prestazione pensionistica.
L’Aderente all’atto dell’adesione a Postaprevidenza Valore sceglie il profilo di investimento nel quale investire i contributi e l’eventuale posizione individuale già maturata, anche presso altre forme pensionistiche. I profili di investimento proposti sono i seguenti:
 

Profilo garantito

Finalità: risponde alle esigenze di un soggetto avverso al rischio e che privilegia investimenti volti a favorire la conservazione del capitale e la stabilità dei risultati. 
Composizione: 100% Gestione Separata. 
 

Profilo guidato

Finalità: risponde alle esigenze di un soggetto che mira ad un maggiore rendimento nel medio-lungo termine accettando una possibile maggiore esposizione al rischio nella fase iniziale attraverso un percorso (c.d. life cycle) che riduca il livello di rischiosità e l’orizzonte temporale di investimento consigliato all’avvicinarsi della scadenza stabilita (pensionamento). Il meccanismo life cycle modifica gradualmente nel tempo la percentuale di investimento nelle due linee, tramite un ribilanciamento automatico, ogni 5 anni, dei contributi individuali e del montante maturato, in funzione degli anni mancanti al raggiungimento dei requisiti per il pensionamento. 

Composizione:
Anni mancanti alla pensione % Gestione Separata % Fondo Interno Assicurativo

> 35

30%

70%

31 - 35

40%

60%

26 - 30

50%

50%

21 - 25

60%

40%

16 - 20

70%

30%

11 - 15

80%

20%

6 - 10

90%

10%

1 - 5 100% 0%

Ribilanciamento: il ribilanciamento avviene ogni 5 anni.
 

Profilo dinamico

Finalità: risponde alle esigenze di un soggetto che, a fronte di una protezione parziale del capitale, intende cogliere le opportunità offerte dai mercati finanziari accettando una esposizione al rischio definita, a seconda della Linea predeterminata selezionata tra le tre disponibili. 

Composizione:
Linea % Gestione Separata % Fondo Interno Assicurativo

1

70%

30%

2

60%

40%

3

50%

50%

Gestione Separata Posta Pensione

La Gestione Separata è collegata ad una specifica gestione degli investimenti denominata Posta Pensione. Lo stile gestionale adottato è finalizzato a perseguire la sicurezza, la qualità, la liquidità e la redditività degli investimenti, nonché la stabilità dei rendimenti della Gestione Separata nel corso del tempo.
Le prestazioni previste dal contratto per la parte investita in Gestione Separata sia nella fase di accumulo della prestazione previdenziale che nella fase di erogazione della rendita, sono contrattualmente garantite da Poste Vita S.p.A. e si rivalutano annualmente in base al rendimento della Gestione Separata stessa.
Per maggiori informazioni consultare la Nota Informativa e il Regolamento della Gestione Separata Posta Pensione.
 

Il Fondo Interno Assicurativo Poste Vita Previdenza Flessibile

Il Fondo Interno Assicurativo Poste Vita Previdenza Flessibile costituisce patrimonio separato ed autonomo a tutti gli effetti dal patrimonio della Compagnia, nonché da ogni altro fondo gestito dalla stessa.
Lo scopo del Fondo Interno Assicurativo è di realizzare una crescita del capitale investito attraverso una gestione flessibile e diversificata degli investimenti, nel rispetto del profilo di rischio del Fondo Interno Assicurativo.
La Compagnia non offre alcuna garanzia di rimborso del capitale o di corresponsione di un rendimento minimo, né, in ogni caso, assume alcun impegno di risultato nella gestione del Fondo Interno Assicurativo.
Per maggiori informazioni consultare la Nota Informativa e il Regolamento del Fondo Interno Assicurativo Poste Vita Previdenza Flessibile.
Creare la tua pensione

Postaprevidenza Valore


Scopri di più

© Poste Vita S.p.A., Viale Beethoven, 11, 00144 ROMA
PEC: postevita@pec.postevita.it - P.I. 05927271006.
Impresa iscritta alla Sezione I dell'Albo delle Imprese al n. 1.00133.

vai a inizio pagina