dcsimg
La versione del tuo browser non è aggiornata. Per una migliore navigazione del sito, scarica la versione più recente.

Poste Vita Gruppo Assicurativo Poste Vita.

Chi siamo

Poste Vita S.p.A., la compagnia assicurativa vita del Gruppo Poste Italiane, nasce nel 1999 e nel 2014 diventa la prima compagnia assicurativa in Italia in termini di raccolta premi. Nel 2016, con una raccolta premi di oltre 19 miliardi, conferma la leadership nel ramo vita. 
 
Nel 2010 nasce il Gruppo Assicurativo Poste Vita. A Poste Vita S.p.A. si affianca infatti la compagnia danni Poste Assicura S.p.A. con prodotti studiati per la protezione della persona e dei beni.
  
Le masse gestite finora da Poste Vita S.p.A. superano i 104,3 miliardi di Euro a fronte di oltre 3,5 milioni di clienti per più di 6,5 milioni di polizze assicurative collocate (dati al 31/12/2016).
 
Nel 2016, con oltre 874.000 aderenti al proprio fondo individuale pensionistico, Poste Vita S.p.A. si conferma la prima compagnia assicurativa italiana nel comparto della previdenza integrativa.
 
Presidente di Poste Vita S.p.A. è Maria Bianca Farina.
Amministratore Delegato di Poste Vita S.p.A. è Matteo Del Fante.
Direttore Generale di Poste Vita S.p.A. è Maurizio Cappiello.
 

Scopri di più

La nostra missione d'impresa: coerenti con i valori sociali da sempre interpretati dal Gruppo a cui apparteniamo, operiamo affinché ogni persona, indipendentemente dalla propria nazionalità, ceto e condizione economica, possa trovare presso gli Uffici Postali soluzioni concrete ed efficaci ai principali bisogni di natura sociale propri dell'epoca in cui viviamo:

  • la previdenza integrativa
  • la tutela della persona
  • la risposta alle esigenze della fascia anziana della popolazione
  • la protezione e l'accrescimento negli anni del valore dei patrimoni posseduti
  • la creazione e l'accumulo del piccolo risparmio nel corso del tempo

 

L'impegno di Poste Vita consiste nell'offrire a tutti i potenziali Clienti soluzioni assicurative sempre più efficaci attraverso cui realizzare questi obiettivi. Innovative soluzioni costruite nella massima trasparenza e sicurezza per la clientela, alle migliori condizioni economiche possibili.

 

Il valore della relazione nel tempo: mettiamo la soddisfazione dei clienti nel tempo prima di ogni cosa. Il nostro know-how, la tecnologia, il perfezionamento dei processi, la costante formazione del personale, sono gli strumenti che utilizziamo per dare alla nostra clientela un servizio sempre soddisfacente ed una adeguata risposta alle esigenze delle persone.

Il Codice Etico di Gruppo  (.pdf) definisce le i principi e le regole di condotta a cui devono far riferimento gli amministratori, gli organi di controllo, il management, il personale dipendente e coloro i quali operano, stabilmente o temporaneamente, per conto di Poste Vita S.p.A. da seguire nei rapporti con tutti gli stakeholder con cui l’azienda si relaziona, con particolare riferimento ai rapporti con i fornitori, i partner, il mercato e gli azionisti.
Il Codice Etico individua, inoltre, i criteri di condotta a carattere generale che l’azienda riconosce e fa propri nello svolgimento delle proprie attività e nei rapporti con gli stakeholder, valorizzando specifiche previsioni in materia di conflitto di interessi, anticorruzione, antiriciclaggio e antiterrorismo nonché di tutela della salute, sicurezza, ambiente e privacy.

Poste Vita S.p.A. ha istituito, in linea con il Gruppo Poste Italiane a cui appartiene, un canale informatico riservato alla denuncia/segnalazione di presunte violazioni di norme di condotta professionale e/o principi di etica richiamati dalla normativa vigente - interna ed esterna - e/o comportamenti illeciti o fraudolenti riferibili a dipendenti, membri degli organi sociali e a terzi (clienti, fornitori, consulenti, collaboratori), che possono determinare, in modo diretto o indiretto, un danno economico-patrimoniale e/o di immagine alle società del Gruppo.

Con il Portale Segnalazioni - Whistleblowing dipendenti, clienti e terze parti possono inviare, con la massima garanzia di riservatezza, segnalazioni circostanziate di fenomeni illeciti e comportamenti sospetti, di irregolarità nella conduzione aziendale, di atti o fatti che possano costituire una violazione delle norme, interne ed esterne, che disciplinano l’attività del Gruppo Poste Vita, dei principi e delle regole di comportamento contenuti nel Codice Etico del Gruppo Poste Italiane e nelle previsioni dei Modelli ex D. Lgs. 231/2001.
Il Portale Segnalazioni - Whistleblowing deve essere utilizzato esclusivamente per inviare una segnalazione di violazione.
Se sei un cliente e hai bisogno di assistenza su prodotti/servizi, puoi consultare la nostra sezione riservata all'Assistenza.
 

Come inviare una segnalazione

Registrati al Portale Segnalazioni – Whistleblowing e segui la procedura per inviare la tua segnalazione.

Le segnalazioni devono essere rese in buona fede e non in forma anonima nella consapevolezza che sarà garantita l’assoluta riservatezza dell’identità del segnalante e del contenuto della segnalazione, attraverso l’utilizzo di protocolli sicuri e strumenti di crittografia e saranno adottate le più idonee misure di protezione a tutela del Segnalante e del Segnalato.

Saranno prese in considerazione solo le segnalazioni nominative, circostanziate, fondate su elementi di fatto precisi e concordanti.
L’identità del segnalante non è mai rivelata senza il suo consenso, ad eccezione dei casi previsti dalla normativa vigente. Se necessario sarai contattato per acquisire chiarimenti e/o ulteriori dettagli sui fatti segnalati.

Il Portale Segnalazioni – Whistleblowing assegna per ciascuna segnalazione inserita un codice identificativo univoco, che permette al segnalante di verificarne lo stato di lavorazione.
Per maggiori informazioni consulta la documentazione di seguito riportata.


Documentazione

Principi generali: il D.Lgs. 8 giugno 2001 n. 231 ha introdotto, nell'ordinamento giuridico italiano, la responsabilità amministrativa degli Enti per alcuni reati commessi, nell'interesse o a vantaggio degli stessi, da soggetti in posizione apicale (amministratori/dirigenti) e/o da dipendenti. La responsabilità dell'Ente si aggiunge a quella della persona fisica (responsabilità di carattere penale) che ha materialmente commesso reato.

Estratto del Modello Organizzativo 231 Poste Vita (.pdf)

Poste Vita ha adottato un proprio Modello Organizzativo, al fine di costruire un sistema strutturato ed organico di presidi, attività di controllo, principi comportamentali e procedurali volto, tra l'altro, a prevenire la commissione dei reati previsti dal Decreto Legislativo 231/01.

Il Consiglio di Amministrazione ha affidato ad un Organismo di Vigilanza di natura collegiale, composto da tre membri di comprovata esperienza e competenza, il compito di vigilare sull'osservanza delle prescrizioni del Modello Organizzativo, verificarne l'effettività e l'adeguatezza nonché valutare la necessità di eventuali aggiornamenti.

Hai bisogno di aiuto?

© Poste Vita S.p.A., Viale Beethoven, 11, 00144 ROMA
PEC: postevita@pec.postevita.it - P.I. 05927271006.
Impresa iscritta alla Sezione I dell'Albo delle Imprese al n. 1.00133.

vai a inizio pagina