dcsimg
La versione del tuo browser non è aggiornata. Per una migliore navigazione del sito, scarica la versione più recente.

Domande Frequenti Postevita Domande più frequenti.

Domande

Dove posso sottoscrivere i vostri contratti assicurativi?
Tutti i prodotti di Poste Vita sono disponibili presso gli oltre 11.000 Uffici Postali abilitati distribuiti su tutto il territorio italiano.


Quant'è il premio minimo che devo versare per sottoscrivere il contratto?
Per i contratti assicurativi di tipo tradizionale a premio unico il versamento minimo è di 2.500,00 Euro. Esistono contratti a premio ricorrente il cui premio minimo parte da 600,00 Euro all'anno o da 50,00 Euro mensili.
Molti dei nostri contratti prevedono il versamento di premi volontari aggiuntivi in corso di contratto non inferiori a 500,00 Euro ognuno.
Per i contratti assicurativi di tipo index o unit linked il premio minimo è di 1.500,00 Euro.
Per maggiori informazioni ti invitiamo a consultare il fascicolo/prospetto informativo dei nostri prodotti.


Qual è la durata tipo di un contratto?
I nostri contratti assicurativi di tipo tradizionale durano mediamente da 10 a 20 anni.
E' previsto il riscatto totale del contratto subito dopo il primo anno con la sicurezza del capitale garantito.
Per i contratti di tipo index o unit linked la scadenza è mediamente tra i 7 e i 10 anni.
E' possibile dopo il primo anno riscattare il prodotto al valore di mercato.
Per maggiori informazioni ti invitiamo a consultare il Fascicolo/Prospetto Informativo dei nostri prodotti.


Esiste un limite di età per la sottoscrizione dei contratti?
I contratti unit e linked linked possono essere sottoscritti fino al 73° anno di età.
Per Postafuturo MultiUtile il limite di età è di 73 anni, per Postafuturo Certo e Postafuturo Fedeltà invece è di 85 anni. Per Postapersona Affetti Protetti il limite è di 70 anni.
Per maggiori informazioni ti invitiamo a consultare il Fascicolo/Prospetto Informativo dei nostri prodotti.


E' Obbligatorio avere il conto BancoPosta per la sottoscrizione dei contratti?
Non è obbligatorio avere il conto BancoPosta per sottoscrivere i prodotti assicurativi tradizionali a premio unico.
Ai titolari di conto BancoPosta non viene addebitata alcuna spesa di emissione alla sottoscrizione dei prodotti index o unit linked.
Da marzo 2010 è possibile sottoscrivere i prodotti a premio ricorrente anche con addebito sul Libretto di risparmio.
Per maggiori informazioni ti invitiamo a consultare il Fascicolo/Prospetto Informativo dei nostri prodotti.


Posso cambiare i Beneficiari in corso di contratto?
E' consentito in qualsiasi momento comunicandolo per iscritto a Poste Vita attraverso l'invio di una lettera raccomandata.
Per maggiori informazioni ti invitiamo a consultare il Fascicolo/Prospetto Informativo dei nostri prodotti.


Posso optare per una rendita?
Alla scadenza del contratto è possibile convertire il capitale in una rendita rivalutabile erogata in una delle tre seguenti formule: vitalizia, certa e successivamente vitalizia o eventualmente reversibile ad un'altra persona. La condizione necessaria per la conversione del capitale in rendita è che l'importo della prima annualità di rendita sia almeno pari a 3.000,00 Euro.
E' necessario comunicare per iscritto a Poste Vita, entro 90 giorni prima della scadenza del contratto, l'opzione di rendita prescelta.
Per maggiori informazioni ti invitiamo a consultare il Fascicolo/Prospetto Informativo dei nostri prodotti.
Come devo fare per riscuotere le somme dovute in caso di:


Scadenza della polizza
L'Assicurato deve inviare a Poste Vita S.p.A.:
  • la richiesta di pagamento per scadenza firmata anche dal Contraente se persona diversa
  • l'originale di polizza
  • le eventuali appendici
  • qualora il beneficiario sia persona (fisica o non fisica) diversa dal contraente, il questionario di adeguata verifica a distanza compilato in ogni sua parte e sottoscritto dal beneficiario della liquidazione. In alternativa, il beneficiario potrà recarsi direttamente in Ufficio Postale per la sottoscrizione del questionario


Recesso
Il Contraente deve inviare a Poste Vita S.p.A.:
  • la richiesta di recesso firmata dal Contraente
  • l'originale di polizza
  • le eventuali appendici

Riscatto totale
Il Contraente deve inviare a Poste Vita S.p.A.:
  • la richiesta di riscatto totale firmata anche dall'Assicurato se persona diversa
  • l'originale di polizza
  • eventuali appendici
 
Riscatto parziale
Il Contraente deve inviare a Poste Vita S.p.A.:
  • la richiesta di riscatto parziale firmata anche dall'Assicurato se persona diversa
  • la copia dell'originale di polizza
  • la copia di eventuali appendici
 
Decesso dell'Assicurato
I Beneficiari designati devono inviare a Poste Vita S.p.A.:
  • la richiesta di pagamento firmata dai Beneficiari e dal Contraente, se diverso dall' Assicurato
  • l' originale di polizza
  • le eventuali appendici
  • il certificato di morte dell' Assicurato
  • l'atto di notorietà da cui risulti l'esistenza o meno di testamento e, in caso affermativo, copia autentica del testamento pubblicato
  • il decreto di autorizzazione del Giudice Tutelare a riscuotere la somma dovuta, nel caso in cui tra i Beneficiari vi siano soggetti minori od incapaci
  • per ogni Beneficiario: la copia di un documento identificativo e il codice fiscale
  • qualora il beneficiario sia persona (fisica o non fisica) diversa dal contraente, il questionario di adeguata verifica a distanza compilato in ogni sua parte e sottoscritto dal beneficiario della liquidazione. In alternativa, il beneficiario potrà recarsi direttamente in Ufficio Postale per la sottoscrizione del questionario



Ricordiamo che per tutti i pagamenti di Poste Vita S.p.A. debbono essere preventivamente inviati alla Compagnia all'indirizzo

Poste Vita S.p.A.
Viale Beethoven, 11
00144 Roma

a mezzo di lettera raccomandata con avviso di ricevimento, i documenti necessari a verificare l'effettiva esistenza dell'obbligo di pagamento e ad individuare gli aventi diritto.
Quali polizze posso detrarre dal reddito?
I premi versati per le assicurazioni sulla vita di puro rischio, intendendosi per tali le assicurazioni aventi ad oggetto esclusivo la copertura del rischio di morte, di invalidità permanente non inferiore al 5% e di non autosufficienza nel compimento degli atti della vita quotidiana, danno diritto annualmente ad un detrazione di imposta sul reddito delle persone fisiche nella misura e nei limiti previsti dall'articolo 15 del D.P.R. 917/1986 (Testo Unico delle Imposte sui Redditi) vigente alla data del versamento.
Nel plafond di detraibilità previsto dalla normativa fiscale, rientrano anche i premi versati dal Contraente a fronte di altre assicurazioni sulla vita o assicurazioni contro gli infortuni stipulate prima del 1 gennaio 2001.
Qualora soltanto una componente del premio pagato per l'assicurazione risulti destinata alla copertura dei rischi sopra indicati, il diritto alla detrazione spetta esclusivamente con riferimento a tale componente.


Quali sono le tasse e le imposte a carico dei contratti assicurativi?
Alla scadenza del Contratto o in caso di riscatto totale o parziale, la differenza, se positiva, tra il capitale rivalutato fino a quel momento ed il premio versato è soggetta all'imposta sostitutiva del 26% eventualmente ridotta in proporzione alla parte del rendimento riferibile ai titoli di stato ed equiparati, che restano assoggettati all'aliquota del 12,50% (aliquota di tassazione in vigore dal 1 luglio 2014, applicata secondo i criteri previsti dal Decreto Legislativo 18 febbraio 2000, n. 47, e successive modificazioni, dall'Art. 2 del Decreto Legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito con modificazioni dalla Legge 14 settembre 2011, n. 148, e dagli Artt. 3 e 4 del Decreto Legge 24 aprile 2014, n. 66, convertito con modificazioni dalla Legge 23 giugno 2014, n. 89).
Per le polizze di tipo Index Linked, Unit Linked e di capitalizzazione è prevista l'applicazione dell'imposta di bollo, determinata sul valore dell'investimento al 31 dicembre di ogni anno. Tale imposta è applicata nella seguente misura:
  • 0,20% del valore dell'investimento al 31 dicembre di ogni anno dal 2014 in poi, senza importo minimo ma con un valore massimo di € 14.000 per le persone giuridiche
  • 0,15% del valore dell'investimento al 31 dicembre 2013, con un minimo di € 34,20 ed un valore massimo di € 4.500,00 per le persone giuridiche
  • 0,10% del valore dell'investimento al 31 dicembre 2012, con un minimo di € 34,20 ed un massimo di € 1.200,00 per le persone giuridiche.
L'imposta è "memorizzata" per ogni anno e viene trattenuta solo all'atto della liquidazione (riscatto parziale, riscatto totale, scadenza e sinistro).
Per maggiori informazioni ti invitiamo a consultare il Fascicolo/Prospetto Informativo dei nostri prodotti.
Hai bisogno di aiuto?

© Poste Vita S.p.A., Viale Beethoven, 11, 00144 ROMA
PEC: postevita@pec.postevita.it - P.I. 05927271006.
Impresa iscritta alla Sezione I dell'Albo delle Imprese al n. 1.00133.

vai a inizio pagina